venerdì 4 gennaio 2008

LA BANDA DEL BOSCO FOSCO

Un Ghiro andava in giro
in cerca di un Tapiro;

invece chi t'incontra?
un'Istrice e una Lontra!

insieme vanno a spasso;
li ferma un vecchio Tasso,

che subito domanda:
"Avete visto un Panda?

gli devo dei favori,
perché, con due Castori,

mi ha tolto dagl'impicci
un giorno in cui sei Ricci

con quattro Porcospini
volevano i quattrini

che avevo nella borsa:
io presi una gran corsa,

veloce come il vento,
verde per lo spavento,

mentre i Castori e il Panda
bloccavano la banda,

e i dieci farabutti
scapparono via tutti!"

Che storia appassionante!"
dice il Ghiro sognante;

l'Istrice s'è incantata;
la Lontra è affascinata;

intanto una Marmotta
sbucata da una grotta

si avvicina al gruppetto
insieme ad un Furetto:

"Davvero, che avventura!"
"Quei Ricci, che figura!"

"Che ne dite, signori,
se cerchiamo i Castori

e quel Panda cortese
che han preso le difese

di un Tasso sconosciuto
e gli hanno dato aiuto?"

"Sì, sì, sono d'accordo!"
grida da un ramo un Tordo

che, stanco di volare,
s'era messo a ascoltare;

"Quel Panda, lo conosco!
Abita nel Gran Bosco,

vicino alla Sorgente
dell'Acqua Trasparente…

da lì nasce il Ruscello,
ed è certo per quello

che è amico dei Castori
che vivono là fuori…"

"Sicuro! affare fatto!"
Il Tasso, soddisfatto,

si mette sottobraccio
al Ghiro e, senza impaccio

né aggiungere parola,
segue il Tordo che vola…

"Férmati, non ci vuoi?
veniamo pure noi!"

esclama la Marmotta,
che giocava alla lotta

con la Lontra e il Furetto…
"Ma certo che vi aspetto!

e l'Istrice che fa?
ci segue, o non le va?"

"D'accordo, vi accompagno:
e porto pure il Ragno!"

dice l'Istrice Rossa
che intanto, in una fossa,

ha scovato un ragnetto
che faceva il bagnetto…

La compagnia è completa:
si avvìa verso la meta;

col Tordo sempre in testa,
arriva alla foresta;

si inoltra tra le fronde;
il buio li confonde;

si tengono per mano;
vanno sempre più piano…

Il Ghiro avverte il Tasso:
"Scansati ché c'è un sasso!";

la Lontra dice al Ragno:
"Attento a quello stagno!"

Marmotta si lamenta:
" Istrice, va' più lenta,

ché io non ho più fiato,
e Furetto è stremato!"

La marcia è proprio tosta:
si decide una sosta.

Il Tordo li consola
- è comodo: lui vola! -

"Forza, ragazzi, andiamo!"
li incita da un ramo;

"Vi siete riposati?
siamo quasi arrivati!"

E' vero: in quel momento
si sente un movimento

tra foglie e rami secchi:
gli otto stan tutt'orecchi…

quand'ecco, all'improvviso,
vedono un gran sorriso

che spunta tra le piante:
è lui! Panda Gigante…:

due occhi neri neri,
buonissimi e sinceri,

che sprizzano allegria:
"Che bella compagnia!

ma guarda che sorpresa!"
e avanza a zampa tesa

per salutare il Tasso…
Si scatena un gran chiasso!

Tutti insieme a parlare,
a ridere, a strillare:

"Signor Panda, permette?
col Tasso siam qui in sette,

per tutti è un grande onore
conoscerla, signore!"

"Talmente generoso!"
"E così coraggioso!"

"Scacciare i Porcospini
e i Ricci malandrini

che tesero un agguato
al Tasso pensionato!"

"E' stato un gran bel gesto!"
"Su, non faccia il modesto!"

"Ma no, che dite mai,
esagerate assai!

E poi, non ero solo:
se i ladri han preso il volo

il merito va dato
anche a chi m'ha aiutato:

quei due bravi Castori
che vivono qua fuori…"

E mentre dice questo
il Panda lesto lesto

accompagna gli amici
a un mucchio di radici:

tra i muschi ed i rametti
sbucano due musetti

vivaci e sbarazzini:
sono i due castorini!

Vista la comitiva
guadagnano la riva:

"Ma guarda quanta gente!
è proprio divertente!"

"Son tutti amici tuoi?
Veniamo via con voi!"

Così quella brigata
allegra e spensierata

comincia una gran festa
in mezzo alla foresta…

Ma i Ricci e i Porcospini
nascosti dietro i pini

li vedono ballare
e cominciano a urlare,

facendo un gran fracasso:
"Scusaci, vecchio Tasso!"

"Perdono, caro Panda!"
"Non siamo più una banda

di ladri prepotenti!"
"Facciamo pace! " "Senti:

noi ci siamo pentiti…
e tu che fai? ci inviti?"

Il Panda, si sa, è buono,
e gli dà il suo perdono;

il vecchio Tasso pure
scorda le sue paure

e li accoglie felice…
E il Ghiro cosa dice?

"Che bello! siamo in tanti,
e amici tutti quanti!"

Contento, guarda in giro:
manca solo il Tapiro!

Sissi, 11 aprile 2003

4 commenti:

Roby ha detto...

Ricordavo questa filastrocca letta dalla stessa voce di Sissi, a casa sua, in una mattinata romana inondata di luce. Piacevolissima lettura, gradevolissimo ricordo.

Roby

[:->>>]

sissimarina ha detto...

mi vuoi far piangere, Roby???

Roby ha detto...

Assolutamente SI': a patto che -subito dopo- ci si faccia una bella risata insieme!!!! OK???

Annarita ha detto...

Che delizia! Il link a questo blog era un piacevolissimo obbligo! Buona serata. Annarita ;-)