sabato 8 novembre 2008

Videogiochi immaginari


Passeggiando sotto i portici con Angelica, facendo attenzione alle cacche canine lì lasciate a mo' di mina antiuomo e ai piccioni in agguato, abbiamo progettato un nuovo videogioco. Io l'avrei chiamato "PORTICI", ma lei preferisce un diretto "CACCHE".
L'omino del videogioco deve percorrere un portico bolognese, saltando (freccia in alto) le cacche di cane che incontra per terra ed evitando quelle che i piccioni appollaiati sui tiranti d'acciaio sganciano dall'alto. Pericoli speciali sono costituiti da (i) pitale gettato in strada dalla signora che s'affaccia alla finestra sotto il portico; (ii) deiezione equina che un cavallo parcheggiato al lato del portico -dopo breve avvertimento in forma di coda che si alza- spara alzo zero sotto le colonne.
Ci servono suggerimenti per i bonus: come acquistare punti, vite e tutto ciò che fa di un percorso pericoloso un videogioco completo?

6 commenti:

Roby ha detto...

Ignorante di videogiochi come sono, girerò la domanda alla mi'figliola, appena torna dalla passeggiata con le amiche in una Firenze con pochissimi portici ma molte, moltissime cacche...

[:-/]

Roby

giulia ha detto...

Non conosco i videogiochi e non vi posso aiutare, ma l'idea è buona... Giulia

mazapegul ha detto...

Roby e Giulia, ieri mio nipote m'ha informato che un gioco simile esiste gia', tra quelli scaricabili da Internet gratuitamente (bisogna sfuggire a deipiccioni).

Roby ha detto...

Incredibile! Non c'è più limite alla fantasia informatica!!! Sarà comunque sempre meglio di quel videogame ambientato in un college inglese dove -se non ricordo male- alcune terribili ragazzine sottopongono alle più incredibili violenze una loro compagna più debole...

Mah!

Roby

Giuliano ha detto...

si direbbe una variante del "mondo". Che basti applicare quelle regole?
(ma se uno sbaglia, mi sembra che sia già punito abbastanza...)

sabrinamanca ha detto...

acc, e io che mi lanciavo già in suggerimenti del tipo: evitare di venir schiacciati dalle auto ai passaggi pedonali...ma ha ragione Giuliano, veniamo puniti già abbastanza!